Category Archives: WordPress

WordPress: caricamento veloce della pagina con jQuery Image Lazy Load

Pubblicato da

I blog su base WordPress possono caricarsi molto più velocemente se le immagini presenti nella pagina si caricano solo se rientranti nell’area visibile.
E’ indubbio che un blog con molte immagini sia più attraente di uno di solo testo ma, ovviamente, non bisogna esagerare.
Il successo di un blog può portare ad un consumo di banda notevole con conseguente rallentamento nel caricamento delle varie pagine.
Un plugin di jQuery permette di avviare il caricamento delle immagini solo se nel FOCUS della pagina …ed ecco l’immancabile plugin omologo di WordPress.
Tra i tanti (ce ne sono anche a base MooTools e Yahoo framework) ho scelto jQuery Image Lazy Load

Link: jQuery Image Lazy Load

Blog al sicuro con blogVault

Pubblicato da

Un blog come questo che state leggendo ha richiesto ore e ore di tempo dedicato a scrivere i post, a rispondere ai commenti ed anche ad uploadare file per inserire immagini, documenti, tutorial e altro.
E’ già capitato di trovarmi spiazzato perchè confidavo nel fatto che il mio provider di hosting effettuasse back-up giornalieri di tutto. Sbagliando.

Quando succede un disastro (rottura dell’hard-disk, cancellazione accidentale, hackeraggio) è meglio contare su sé stessi e sull’aiuto di servizi esterni come blogVault.
Se si utilizza WordPress come piattaforma di blogging si può fare ricorso al plugin di blogVault che provvede a effettuare un backup (impostate temporalmente secondo le diverse esigenze) sui server Amazon S3.
Tramite una comoda interfaccia sul sito di blogVault si può in ogni momento ripristinare un backup di database, files, plugin e temi del proprio blog WordPress.
Il servizio è gratuito fino ad un blog e 50 MB di spazio occupati ma le opzioni a pagamento sono molto ragionevoli.
L’account a pagamento può essere utilizzato per il backup di blog multipli.
L’unico appunto che mi sento di muovere a questo servizio è quello di non poter impostare l’ora esatta in cui voglio effettuare il backup.

Link: blogVault

Gestire fatture e clienti con WordPress

Pubblicato da

Il lavoro del consulente informatico non è fatto solo di gloria e di persone che ti vogliono coprire di soldi per le tue perle di conoscenza (vaga ironia).
Molto del tempo del professionista è impegnato in pratiche poco piacevoli/interessanti come la fatturazione al cliente.

Premesso che basterebbe essere bene organizzati e cavarsela con Excel, se esistono strumenti che semplificano la gestione della fatturazione, ben vengano.
Se poi questi strumenti si legano alla nostra piattaforma blog preferita.. allora anche meglio.
Tutto questo per dire che esiste un plugin (ancora gratuito) che trasforma il backend di WordPress in un sistema di gestione delle fatture.
Il sistema permette di

  • creare e inviare le fatture
  • salvare le informazioni del cliente
  • precompilare le fatture con le informazioni del cliente
  • inviare notifiche ai clienti con un link sicuro alla copia web della fattura
  • personalizzare la grafica delle fatture
  • i clienti possono scegliere se pagare con carta di credito o PayPal
  • archiviare le vecchie fatture
  • settare una modalità di invio ricorrente

il sistema non è perfetto (ha bisogno di qualche modifica per essere utilizzabile in Italia) ma è facilmente traducibile e modificabile.

Link: WP-Invoice

Velocizzare il blog: l’opzione CDN

Pubblicato da

CDN sta per (Content Delivery Network) ed è una metodologia di erogazione dei contenuti di una risorsa web come un blog, un sito o un portale.
Nel caso in cui il traffico verso una di queste risorse diventi molto intenso (diciamolo, il sogno di tutti i possessori di un sito), si può andare incontro a rallentamenti nella visualizzazione delle pagine.
I motivi possono essere diversi: saturazione della banda passante del server, eccessivo carico sulla CPU, poca RAM ecc.
Una soluzione efficace è quella di demandare l’erogazione di un contenuto statico, come ad esempio un’immagine, ad un server terzo.

Esistono soluzioni commerciali (Akamai, Limelight) che sono abbastanza impegnative dal punto di vista economico ma che permettono di avere una spesa dimensionata alla popolarità di un sito. Più utilizzi la banda, più paghi.

CDN serve anche per siti di medie e piccole dimensioni
? Premesso che un CDN professionale come quelli citati sarebbe inutile, se ne esistesse uno gratuito ci sarebbero in ogni caso pro e contro.
I pro sono che i siti ospitati su hosting economici potrebbero vedere molto incrementata la velocità di caricamento delle pagine. Quasi a livello di un hosting professionale.
I contro, a mio parere, sono qualche controindicazione di tipo SEO (il bot potrebbe non digerire il fatto che i contenuti provengano da fonti diverse, soprattutto se non ti chiami Repubblica.it) e il fatto di dipendere da un servizio che può essere chiuso o regolamentato diversamente quando abbiamo fatto pieno affidamento su di esso.

Il plugin per WordPress che segnalo si basa sul CDN di Coral, una società che offre gratuitamente i propri servizi. Dopo l’attivazione, si potrà scegliere quale dei contenuti statici del proprio blog si vorranno “terzializzare”. Il plugin aggiungerà al nome host dei file l’estensione .nyud.net forzando quindi il browser del visitatore a fare la richiesta dalla rete Coral.

Link: Free CDN per WordPress

Monitorare le performance di WordPress con WP Tuner

Pubblicato da

Abbiamo già parlato di alcuni plugin per velocizzare WordPress ma, per scoprire le cause della lentezza di un blog basato su WordPress, dovremmo avere un tool che ne misuri le performance individuando DOVE sono le debolezze.
Ci viene incontro l’ennesimo plugin, chiamato Wp Tuner, che analizza le performance di WordPress in ogni suo aspetto.
Si va dal tempo di esecuzione delle query a quello di generazione della pagina, dall’uso della memoria al carico della CPU.
Una volta attivato il plugin avremo in fondo alla pagina, visibile solo agli amministratori del sito, il report completo delle performance.
Un modo semplice e dettagliato per avere il polso di quello che succede nella nostra installazione WordPress.

Link: WP Tuner

WordPress più veloce con Autoptimize ma attenzione alla cache

Pubblicato da

A gennaio lessi l’interessante post di Andrea Pernici su come ottimizzare WordPress per renderlo più veloce.
Tra i vari plugin consigliati mi colpì Autoptimize perchè non lo conoscevo anche se includeva in un unico tool molti ottimizzatori che utilizzavo separatamente.
E’ chiaro che la gestione di un unico plugin con un’unica interfaccia è molto più semplice che gestire e calibrare diversi strumenti.

Autoptimize si rivelò prodigioso con questo blog, passando da valori di banda impegnata medio-alti (in rapporto al fatto che non ci sono chissà quali immagini o download da effettuare)

a questi altri valori


a parità di numero di visite un risparmio di banda dell’ordine del 25%
Notavo anche l’incremento delle pagine (dovuto alla cache?) e il leggero calo di hits.

Il problema di Autoptimize è che non cancella automaticamente la cache accumulandosi all’infinito.
Ce ne s’accorge quando escono valori sballatissimi tipo questi


E’ quasi superfluo dire che il 18 marzo sera ho svuotato la cache ritornando a valori normali.
Appena ho un attimo di libertà vorrei modificare il plugin per aggiungere la possibilità di svuotare la cache appoggiandomi al cron.
Per il resto, si tratta di un ottimo tool che permette di velocizzare il caricamento delle pagine di WordPress anche quando non è stato fatto a monte un lavoro di ottimizzazione.

Link: Autoptimize

WordPress Exploit Scanner: un plugin per blindare WordPress

Pubblicato da

E’ ovvio, più diventa complesso un sistema più è probabile che ci siano delle falle per farlo cadere (o introdurvisi).
E’ il caso di un blog su piattaforma WordPress che in breve, normalmente, diventa un coacervo di plugin sicuramente utili ma complessi e, in teoria, vulnerabili.
Per togliersi qualche pensiero potremmo utilizzare periodicamente WordPress Exploit Scanner.
Come il nome lascia intuire, il plugin cerca all’interno del filesystem o del db codice malevolo senza rimuovere niente ma semplicemente effettuando una segnalazione.

Dopo averlo installato e attivato, per accedere alla pannello di controllo del plugin basterà cliccare sul link sotto “Bacheca”

e selezionare le opzioni che vengono offerte, in base alla profondità che vogliamo dare alla nostra indagine.

E’ possibile anche selezionare quanta memoria RAM vogliamo allocare per il processo e la dimensione massima dei file da scansionare.

Link: WordPress Exploit Scanner

Mostrare gli errori PHP anche quando i server sono settati diversamente

Pubblicato da

php-logo

Non c’è niente di più frustrante che avere una pagina bianca quando si sta testando un’applicazione oppure si è apportato qualche modifica a un CMS.
Molti dei server di produzione sono settati (in php.ini) per non mostrare gli errori o i warning che dovrebbero apparire.

Tutti i programmatori PHP sanno, però, che basta aggiungere all’inizio della pagina il codice

error_reporting(E_ALL);
ini_set(‘display_errors’, ‘1’);

per mostrare tutte le segnalazioni.
E se stiamo lavorando con Drupal o WordPress?
Basta inserire lo stesso codice ma in posti ben precisi

Drupal: /sites/default/settings.php
WordPress: /wp-config.php

Disattivare i plugin di WordPress quando non si accede al pannello di controllo

Pubblicato da

wordpress-logo-300x282

Capita, raramente in verità, che un plugin o un fattore esterno renda inaccessibile il pannello di controllo di WordPress.
Ovviamente la procedura vuole che si disattivino tutti i plugin e poi, a uno a uno, si riattivi tutto per trovare il o i colpevoli.
Per disattivare i plugin quando non si ha la possibilità di accedere al pannello di controllo si può fare in questo modo:

con phpMyAdmin

  • Nella tabella wp_options,sotto il campo option_name cerca la riga active_plugins
  • Cambia il campo option_value in: a:0:{}

oppure

crea sul server una cartella vuota plugins

  • Via FTP o tramite il pannello di controllo del tuo Provider, naviga nella cartella wp-contents
  • Via FTP o tramite il pannello di controllo del tuo Provider, rinomina la cartella  “plugins” in “plugins.hold
  • Via FTP o tramite il pannello di controllo del tuo Provider, crea una nuova cartella chiamata “plugins
  • Poi entra nel tuo pannello di controllo WordPress
  • Via FTP o tramite il pannello di controllo del tuo Provider, cancella “plugins” creato
  • Via FTP o tramite il pannello di controllo del tuo Provider, rinomina “plugins.hold” di nuovo in “plugins

[via WordPress FAQ]

Eliminare i commenti di spam su WordPress

Pubblicato da

spam

Ieri è stata una giornata un po’ pesante perchè questo blog è stato bersaglio di un attacco da parte di un bot.
Il compito di questo bot è quello di riempire di commenti fasulli il blog.
I motivi per un attacco del genere sono i più vari ma non sono l’oggetto del post.

Ho sempre evitato tecniche di difesa tipo CAPTCHA (l’autenticazione dell’utente tramite la visualizzazione di un testo/immagine da riportare) perchè noiose e poco usabili.
Così ho cercato un plugin che risolvesse questo problema in maniera rapida e intelligente.
Ho trovato la salvezza con il plugin per WordPress WP-SpamFree.

Funziona anche in abbinamento con Akismet e, posso affermare con soddisfazione, risolve il problema.
Semplicissimo. Basta installarlo, anche attraverso la bacheca, e attivarlo. Stop.
Non c’è bisogno neanche di configurarlo.

Link: WP-SpamFree